La coppia

.
Quella che comunemente viene chiamata NUTRIA è invece un castoro Sudamericano, essendo una specie originaria di Brasile, Argentina, Perù e altre zone del Sud America.  Appartiene all’ordine dei Roditori ma non deve essere confusa con topi o ratti in quanto sono specie completamente diverse sotto gli aspetti biologici, etologici e morfo-funzionali.

Importata in Italia intorno agli anni 1920 per la produzione delle pellicce di “castorino”, quando la richiesta diminuì tantissimo, molte aziende chiusero l’attività e per evitare i costi di abbattimento degli animali, questi furono liberati dagli allevatori e di conseguenza colonizzarono molto ambienti naturali.

E’ un animale di indole molto docile, la sua dieta è puramente vegetariana: piante acquatiche, varie erbe e radici, che normalmente trova in prossimità degli argini dei corsi d’acqua.

.
nutrie
.

La gazza

La gazza è un uccello diffuso in tutta Europa e appartiene all’ordine dei corvidi.  Solitamente vive nelle campagne coltivate e aperte, ma si insedia anche in giardini e parchi urbani. E’ un grosso uccello bianco e nero, le parti superiori possono variare, secondo la luce, dal blu porpora al verde smeraldo; ha una lunga coda e il suo verso di richiamo è molto aspro.

Vive in  gruppi di due o tre elementi, ma può anche formarne di più numerosi, soprattutto durante l’inverno.  Si nutre di carogne, frutti, ragni e insetti; a volte anche di uova di altri uccelli.  Il suo nido, costruito su alberi alti, è solitamente grosso, intonacato di fango  e provvisto di  una cupola che fa da tettoia. Da metà marzo in poi, vi depone da 5 a 7 uova (un covata annua), che vengono incubate dalla femmina per 21-22 giorni.  I piccoli prendono il volo a 24-30 giorni.
.

gazza
.