Stanchezza e tanta dolcezza

.

cervo axis

Cervo Axis

.

Il Cervo axis è noto anche come “Cervo pomellato” per il suo mantello maculato. Si tratta di un Cervide di medie dimensioni e con corpo piuttosto tozzo. Il mantello ha un bel colore rosso fulvo; il dorso è percorso, nella parte centrale, da una striscia bianca e sui fianchi da macchie, sempre bianche.  Come per tutti i Cervidi i maschi sono i soli a portare i palchi,  che ogni anno sono soggetti a caduta e successiva ricrescita. La loro conformazione è a lira e possono raggiungere la lunghezza di 75-80 cm.

§§§§§§§§§§§§§

.

cervo porcino

Cervo Porcino

.

Il cervo porcino è un Cervide di piccole dimensioni.  Il suo nome deriva dalla somiglianza che ha col maiale selvatico quando si muove attraverso la foresta; infatti per superare gli ostacoli abbassa la testa e passa sotto all’ostacolo, mentre la maggior parte dei Cervidi li supera con dei balzi. Il suo mantello ha una colorazione bruno-ocra che scurisce con l’eta nei maschi, mentre il dorso nella parte centrale è percorso da una striscia di pelo più scuro. Nei cuccioli il mantello è coperto di macchie bianche che si attenuano col tempo diventando adulti.

50 thoughts on “Stanchezza e tanta dolcezza

  1. Bellissime foto! Complimenti!
    Non so se l’hai fotografato in natura oppure in uno zoo però vorrei fare una raccomandazione. Quando i cuccioli sono piccoli non è difficile incontrarli facendo trekking nel bosco. Anche se sembrano abbandonati la madre di solito è nascosta nei paraggi e li controlla a distanza. Se vi avvicinate e li toccate la madre non riconoscerà più l’odore del piccolo e lo abbandonerà veramente… Quindi se vi capita di avvistare un cucciolo… fotografare e non toccare!

    • L’ho fotografato in una specie di zoo, praticamente è un parco dove ci sono a grandezza naturale le riproduzioni dei dinosauri, un orto botanico, un labirinto tutto di siepi e anche animali in semi-libertà, quindi ti puoi avvicinare senza problemi.
      Grazie per aver ricordato che non bisogna toccare i cuccioli quando li si incontra nei boschi, purtroppo in molti lo fanno e dopo restano soli. Io comunque cerco sempre di non toccarli, gli unici che tocco sono cavalli, capre, pecore, animali più comuni e con meno pericolo di abbandono da parte dei genitori🙂 Quello che mi interessa è la foto!
      Grazie Marco, buona giornata, Pat

      P.S. I commenti a volte finiscono negli spam, non so il perché, non riesco a capirlo, ma io controllo sempre e poi li accetto!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...